Blog

Atmosfera del Campeggio green

Vacanze green: il campeggio

  |   Notizie, Viaggiare sostenibile   |   No comment

Vacanze lontane? Iniziate a programmare le prossime!

E programmatele in modo che abbiano il minor impatto ambientale possibile. Il campeggio è la soluzione ideale e potrete trovarne sicuramente uno per i vostri gusti!

Quando si vuole programmare vacanze green la prima cosa da cui partire è la sistemazione.

 

Il tipo di sistemazione che usiamo è molto importante, soprattutto perché condiziona il posto visitato anche dopo il nostro passaggio. Se ci piace viaggiare e vogliamo preservare il pianeta, dobbiamo preoccuparci delle tracce che lasciamo dopo il nostro passaggio, e cercare di minimizzarle.

La soluzione a minor impatto è ovviamente la tenda … Ovunque la mettiamo lascia qualche buco nel terreno per i picchetti e niente più e richiede un consumo minimo di materie prime per costruirla.

Tende appese all'albero

 

Certo, il campeggio ha sempre delle strutture proprie e fisse che comunque modificano l’ambiente, ma lo fanno in modo minimo, e consentono ad un numero elevatissimo di persone di fruirne a rotazione.

 

Pensate ad un campeggio e tutte le persone che contiene in una stagione. Poi pensate ad un  albergo che possa ospitare lo stesso numero di persone: l’effetto paesaggistico sarebbe ben diverso… Pensate infine alle stesse persone che usufruiscono dello stesso luogo ognuno col proprio appartamento di seconda casa… troverete una cittadina al posto del prato!
Il campeggio evita il consumo di suolo e lascia un posto allo stato naturale o quasi per circa 9 mesi all’anno.

Inoltre porta naturalmente a contatto con la natura e alla socialità e alla condivisione. Molti campeggi hanno aree comuni dove ci sono in condivisione i fornelli, le pentole e le stoviglie e dove quindi si può cucinare e pranzare assieme. Il campeggio è la forma più vicina e accessibile di co-housing. 

 

Dopo undici mesi abituati a esser divisi da muri, muretti e strisce di asfalto, si può passare una o due settimane dove è normale vedere le stelle (anche le stelle cadenti), dove si conoscono facilmente nuove persone, spesso di altre nazionalità, e dove si possono lasciare i bambini liberi di muoversi e giocare in assoluta sicurezza e libertà senza doverli mettere davanti alla televisione o ad un tablet per farli stare tranquilli…

Tenda canadeseLa classica tenda canadese,  pur essendo molto green, non è il massimo della comodità, ma ora esistono tende di grandi dimensioni, semplici da montare e di costi contenuti, che permettono di diventare veri campeggiatori con buone comodità.

Se poi necessitate di avere comunque qualcosa di solido intorno a voi la roulotte (o caravan) è comunque un’ottima alternativa. Ha sicuramente un impatto maggiore della tenda in fase di costruzione ma permette di avere la propria piccola casa ovunque si vada senza bisogno di seminare cemento. E arrivati in loco, e sganciata, lascia tutta la libertà di muoversi con l’auto per vedere i dintorni, scoprire paesini, spiagge e ristorantini. Oggi in Italia la roulotte non è più di moda, sicuramente soppiantata dal camper, ma nei paesi anglosassoni e nordici è ancora molto apprezzata, in quanto costa molto meno e lascia appunto una notevole libertà di spostamento in loco.

 

Chi non amasse la tenda e non volesse impegnarsi con una roulotte o un camper, può comunque iniziare a sperimentare la vita di campeggio utilizzando le mobil- home, che ormai quasi tutti i campeggi offrono e che sono sicuramente il primo passo per vivere una vacanza a contatto con la natura… insomma per vivere una vera vacanza green!

No Comments

Post A Comment

sei + quattordici =