Riciclare rifiuti

RICICLA

Nella carta invece che nella pattumiera = 24 alberi

Quando non si può riusare ma bisogna buttare, la cosa migliore è riciclare. Gettare il quotidiano nella bidone della carta invece che buttarlo nell’indifferenziato permette di evitare l’emissione di 240kg di CO2 all’anno. Equivale a piantare 24 alberi.

Metti l’indifferenziato sul balcone e tieni la plastica in casa.
Al ristorante non buttare via gli avanzi. Chiedi il “doggy bag”, e portateli a casa. Il giorno dopo sono ancora più buoni!

Riciclare significa riutilizzare la materia. E’ la cosa migliore che si può fare se non si può più riutilizzare il prodotto così com’è. Permette l’avvio di quell’economia circolare dove i rifiuti diventano risorse, riproducendo il ciclo della natura.

Estrarre risorse naturali per trasformarle in rifiuti è un processo che non può essere sostenibile. E’ necessario che i rifiuti si trasformino in risorse in percentuali sempre maggiori se vogliamo dare un futuro alla nostra civiltà. Quando proprio non è più possibile riutilizzare, riparare, regalare o vendere qualcosa, é quindi fondamentale riciclare e riciclare correttamente.

E più consumiamo più dobbiamo dedicare tempo a riciclare correttamente.

Bisogna partire da casa propria, dove è fondamentale avere bidoncini o sacchetti di stoffa in cui mettere comodamente plastica, vetro e carta, ed eventualmente l’umido. Mentre è meglio mettere in una posizione meno accessibile la parte dell’indifferenziato, in modo che sia più comodo riciclare piuttosto che buttare. Spesso facciamo il contrario e, per pura abitudine, teniamo l’indifferenziato sotto il lavandino e magari mettiamo plastica, vetro e carta sul balcone… Da evitare assolutamente!!

E comunque fare la raccolta differenziata è più comodo che non farla. Permette infatti di buttar via la spazzatura meno frequentemente visto che plastica, carta e vetro possono normalmente stare in casa più a lungo senza cattivi odori. La plastica e la carta, se opportunamente compresse possono occupare molto meno spazio ed essere smaltire anche una volta sola a settimana.

L’altra cosa importante è sapere come riciclare. Meglio andare sul sito del proprio comune e magari stamparsi le indicazioni sui principali tipi di rifiuto

Ma anche fuori di casa è importante riciclare, scegliendo locali e situazioni dove sia prevista la raccolta differenziata, e dove non viene fatta bisogna chiederne il motivo ai gestori in modo da far capire che è una cosa importante per i clienti. Forse inizieranno a pensare come farla.

Nei ristoranti è anche importante evitare in ogni modo che il cibo venga buttato. Bisogna quindi ordinare senza esagerate e senza farsi prendere dalla golosità, sapendo che comunque siamo sempre in tempo. E se alla fine non si ha più voglia meglio non sforzarsi, e chiedere di portare via gli avanzi. Nei paesi anglosassoni è prassi comune e anche Michelle Obama l’ha chiesta quando è venuta in visita in Italia. Il ristoratore sarà soddisfatto che il piatto sia piaciuto e voi avrete un ottimo piatto assicurato per il giorno dopo . La pizza della sera prima scaldata in padella il giorno dopo è ancora più buona (provare x credere).

Bisogna stare attenti poi in quegli eventi crea- rifiuti che sono le feste di compleanno dei bambini ( e non solo). Chiedete sempre a tutti di scrivere il proprio nome sul bicchiere di plastica e, fin da subito, preparate dei bei sacchi di plastica con sopra il cartello plastica o carta ricordando a tutti che ormai in quasi tutti i comuni si ricicla anche la plastica sporca e contaminata da alimenti.

Numero di alberi necessari per compensare le emissioni di CO2