Riduzione consumo latte

MENO LATTE

1 tazza di latte = 10 alberi

Tutte le proteine animali, non solo la carne, hanno un grande impatto ambientale. Sostituire il caffè latte del mattino con il caffè nero, permette di ridurre le proprie emissioni di CO2 di oltre 100 kg all’anno. Equivale a piantare 10 alberi.

Sostituisci il latte vaccino con il latte di soia o il latte di mandorla. Sono buoni, e, quando mischiati ad altri ingredienti, come caffè, orzo, menta, eccetera la differenza di gusto sarà trascurabile! (www.valsoia.it)

 

Soyadrink

Scopri altri prodotti

Evita di mangiare nello stesso pasto carne e formaggio(ancor meglio se eviti di farlo nello stesso giorno!). O uno o l’altro. Varierai la tua dieta e mangerai più frutta e verdura.
Decidi di mangiare una volta a settimana solo cibi vegetali. All’inizio ti può sembrare impossibile, ma poi potrebbe essere la cosa più naturale del mondo (supermercati VEGAN?)

Ridurre il consumo di carne è importante, ma è uno sforzo in gran parte vano se comporta l’aumento del consumo di formaggio, uova o latte. Il consumo di proteine animali, qualunque sia la sua origine, ha infatti impatti importanti sulla nostra salute, sugli animali e sull’ambiente.

Per quanto riguarda la salute, Il ruolo del latte nell’alimentazione è ultimamente in gran parte rivisto. Sopra i tre anni di vita, secondo molti studi, il suo consumo non è più necessario, anzi sembra sia dannoso sotto molti aspetti. Del resto non è un caso che la richiesta di latte da parte dei bambini normalmente cada nettamente dopo i tre anni di età.

Se il latte non è un alimento ottimale secondo molti studi ancora meno lo è il formaggio, che altro non è che un “concentrato di latte” dove la parte grassa dell’alimento costituisce la maggioranza.

Anche le uova, essendo un alimento molto grasso, nutriente e completo per definizione vanno consumate in quantità moderata soprattutto se inserite in una dieta già ricca come è normalmente quella occidentale.

E’ chiaro quindi che minimizzare il consumo di derivati animali sia indubbiamente la scelta migliore per la nostra salute. E, se può essere eccessiva o magari semplicemente non necessaria, la sua totale eliminazione, è anche altrettanto evidente che il consumo corrente medio per abitante nei paesi occidentali è di gran lunga superiore alla quantità ottimale.

Se al miglioramento della nostra salute aggiungiamo il miglioramento della condizione di vita di molti animali, la riduzione dei terreni dedicati al pascolo e alla coltivazione dl cibo dedicato agli animali, la maggiore disponibilità di cibo per la popolazione umana, si vede che la riduzione dell’impatto ambientale diventa quasi solamente un positivo effetto collaterale. Che però potrebbe pesare moltissimo nella lotta ai cambiamenti climatici. Infatti passare da una dieta carnivora ad una dieta totalmente vegetale (anche detta alimentazione vegana) permette di ridurre le proprie emissioni di CO2 di quasi 2.000 kg di CO2 in un anno, che equivale a piantare 194 alberi!!!! E’ praticamente come decidere di muoversi solamente a piedi o in bici, invece che in auto, per un anno intero!!!

Numero di alberi necessari per compensare le emissioni di CO2
No Comments

Post A Comment

tre − 1 =