Blog

Close the door

NON APRITE QUELLA PORTA

  |   Notizie, Riscaldamento   |   3 Comments

Voi d’inverno, a casa vostra, terreste la finestra aperta tutto il giorno? Ovviamente no…  Entra il freddo e contemporaneamente il costo del riscaldamento e l’inquinamento atmosferico si impennano…

I negozi invece, sempre più spesso, tengono spalancata la porta d’ingresso. Per eliminare ogni ostacolo fisico e psicologico tra merce e cliente…

Quanto aumentino esattamente le vendite tenendo le porte aperte non si sa, mentre è molto semplice stimare il costo ecologico di questa abitudine.

A Parigi il mondo è riunito per affrontare l’emergenza clima, a Milano lo smog supera da giorni i limiti di legge, ma anche la cosa più banale, come chiudere una porta,  non si riesce a fare…

Un negozio con le porte sempre aperte d’inverno inquina almeno il 20-30% in più di uno con le porte chiuse.

Un negozio, anche di piccole dimensioni, che tiene la porta aperta aumenta le proprie emissioni di oltre una tonnellata di CO2 in un anno. Equivalente alla quantità di CO2 che viene assorbita in un anno da un bosco di 100 aIberi.

Tenere costantemente aperta la porta di un negozio equivale a radere al suolo un bosco di oltre 100 alberi.

Se pensiamo ad un outlet da un centinaio di negozi , tenere le porte aperte significa abbattere un bosco da 10.000 alberi.

Un bosco grande quanto 15 campi da calcio raso al suolo per niente…

Iniziamo a dare lo stop a questo tipo di comportamenti. Inutili e dannosi.

Chiediamo a chi tiene le porte aperte, il motivo di tale comportamento e soprattutto chiediamo ai decisori politici leggi che vietino questa pratica e che vigilino per farla rispettare.  Partiamo dalle cose semplici e di buon senso.

IN INVERNO LE PORTE DEVONO STARE CHIUSE, chi proprio non vorrà far faticare i propri clienti potrà sempre ricorrere alle … porte scorrevoli!!!

3 Comments
  • Filippo Aimo | Dic 10, 2015 at 20:12

    ….e poi i funghi dove nascono?

  • Francesco Morfini | Dic 20, 2015 at 16:32

    Come Centro di Rinascita Europea s.r.l stiamo portando avanti una campagna di riduzione delle emissioni in funzione non solo antismog ma anche di lotta ai cambiamenti climatici.Siamo lieti che dei colleghi ingegneri abbiano preparato questo strumento -verità che tenta di far capire a ciascuno, che noi tutti inquiniamo e che noi tutti dobbiamo fare qualcosa di veramente importante per “salvare il Pianeta. I consigli che debbono essere dati devono essere, però, volti a modificare il sistema attraverso il cambiamento delle nostre abitudini partendo dalla’abbandono del “fossile” a favore del “rinnovabile”. Stiamo operando in un’isola del Mediterraneo mediante un progetto di “autosufficienza” patrocinato dall’Expo e stiamo lanciando a Milano un progetto riguardante i Condomini,i Carrozzieri e gli Agriturismi.Ci auguriamo che questo strumento (fatto molto bene) possa essere un primo passo per promuovere l’autocoscienza,e la decisione di fare qualcosa di importante ,Sarò lieto di conoscere gli autori.Intanto Grazie.

    • Alberto | Dic 21, 2015 at 12:03

      Buongiorno Dott. Morfini,
      la ringraziamo di cuore per il Suo commento, che ci spinge ancor più a lavorare sul tema per “salvare” il nostro pianeta.

      Saremmo molto lieti di conoscere meglio la vostra attività e condividere al meglio gli obiettivi comuni: sarebbe così gentile da fornire maggiori informazioni sul vs progetto, o attraverso i commenti di questo sito o contattatandoci direttamente su stefano@howmanytrees.org.

      I più cordiali saluti

      Stefano Porro e Alberto Romanengo

Post A Comment

cinque × 4 =